Notizie sulla Nascita di Arcore

Storia di Arcore

Sul Comune di Arcore non si hanno testimonianza certe sull'epoca di nascita, tuttavia si presume che fosse giÓ abitata in epoca romana.

Anche l'etimologia del nome Ŕ dubbia: alcuni sostengono che derivi dal dio Ercole, dal momento che anticamente vi sorgeva un tempio in suo onore, altri invece lo associano ad un arco eretto durante l'Impero romano.

I primi documenti ritrovati risalgono al IX secolo e sono relativi alle donazioni fatte alle Chiese da parte degli abitanti di "Vico Arcole".

Durante il Medioevo Arcore era sede di due importanti monasteri quello Benedettino di San'Martino e la casa delle Umiliate di Sant'Apollinare.

Intorno al Trecento viene citata la Chiesa di Sant' Eustorgio che diventa la Chiesa parrocchiale degli abitanti al tempo di San Carlo Borromeo.

Dal XVI secolo Arcore passa sotto diversi domini come quelli dei Durini, dei Giulini, i d'Adda, i Barb˛ e infine i Casati.

Alcune di queste famiglie nobili scelsero di costruire ad Arcore diverse Ville residenziali ed oltre a quelle giÓ citate ricordiamo la Villa Buttafava, costruita nella seconda metÓ del settecento, e Palazzo Durini, localizzato nella frazione di Bernate.

Tra la fine dell'800 e gli inizi del '900 ad Arcore abitarono le famiglie d'Adda e Casati che resero questo Comune importante e contribuirono al suo sviluppo dal punto di vista sociale che da quello economico.

Un ulteriore incremento economico, si ha anche grazie alla nascita di una rete ferroviaria propria, inaugurata nel 1875 con la linea Monza-Lecco.